Vous êtes ici

Pedagogia

Ambassadeurs en Herbe Ambassadeurs en Herbe Il liceo Chateaubriand ha partecipato per la terza volta al progetto Ambassadeurs en Herbe  in primavera del 2018. Creato dall’ AEFE e in collaborazione con l'UNESCO, il progetto permette agli studenti di tutte le scuole francesi del mondo di avere l’opportunità di riflettere sul rafforzamento e il mantenimento della pace nel mondo. A Roma, molti studenti hanno dimostrato il loro interesse per il concorso dedicato quest'anno al bellissimo tema delle "arti". Le prove orali si sono svolte a dicembre scorso e cinque studenti, dalla scuola elementare alla scuola superiore, sono stati selezionati per rappresentare il Lycée Chateaubriand e partecipare all'ultima Sud Europa del 9 marzo scorso a Lisbona. Questi studenti hanno gareggiato con squadre provenienti dal Portogallo, dalla Spagna, Grecia, Romania e Turchia. Considerandolo come un’avventura umanistica, il concorso è ogni anno un'occasione unica per praticare l'arte della giostra verbale, di incontrare giovani provenienti da tutto il mondo e  per ascoltare la giostra in inglese, in francese, la lingua del paese ospitante, e discutere. Il tema della riflessione di questa semifinale si è concentrato sulla compatibilità tra una cultura europea e la diversità culturale dei paesi che la costituiscono. Un tema esigente che i nostri studenti hanno brillantemente affrontato. Congratulazioni a loro cinque! Ce français qui est le mien 
Sviluppare la nozione di francese lingua materna 2 attraverso dei progetti innovativi che mettano in relazione i fattori affettivi e l'apprendimento della lingua. Sviluppare interesse per la lingua francese. Entrare nella sfera emotiva della lingua attraverso i sensi, attraverso le arti figurative. Obiettivi pedagogici/educativi: Superare la semplice lingua « utilitaristica » scolastica per andare verso una padronanza ed un utilizzo del francese come lingua propria, d’identità, intima, come un'autentica francofonia; favorire le pratiche intime, ludiche, creative di scrittura e di lettura; sviluppare l'utilizzo di strumenti digitali per sviluppare le 4 competenze (produzione orale, comprensione orale, produzione scritta, comprensione scritta) Utilizzare i sensi per entrare nel cuore della lingua, parlare di sé e delle proprie emozioni. Attività previste: Monumento colore (progetto bilingue italiano francese) Scoperta di un monumento di Roma in italiano (intervento di uno specialista di storia e di storia dell'arte) da ricollegare al programma di storia in francese; A partire dal profilo di un monumento in nero, scegliere un colore e colorare il monumento; Inventare una storia che si svolga nel monumento colore: rosa (una vita in rosa); ABC del vivere insieme: creare un ABC del vivere insieme, è il tema del concorso dello SNUipp-FSU, in partenariato con Bnf, la Ligue de l’enseignement, la città di Parigi, gli editori Actes Sud junior e le Café pédagogique; " Emosons " a partire dai suoni delle emozioni: loto-sonoro delle emozioni. Raccontarsi partendo da un certo numero di emozioni sonore. Illustrare la propria emozione, la propria storia. Altre piste di lavoro a partire dai suoni: Inventare una storia partendo da diversi suoni; Interpretare una storia conosciuta e registrarsi; Mimare una canzone e filmarsi. Condividere delle storie diversamente: Creazione di borse album e scatole da storie per condividere le nostre letture: Raccontare, registrarsi (collège / materna/elementare). Produzioni previste: Creazione di un cortometraggio ( canzone mimata “ la vie en rose “ ); esposizioni itineranti ( scatola per storie, monumenti colorati) con le classi implicate. Classi implicate: 1 PS 4 MS 3 GS 2 CP 3 Ce 1 2 Ce 2 2 Cm1 2 Cm2 ALEF dal CP al CM2 ( circa 80 alunni) 4 classi della scuola media Alcune classi di italiano della scuola primaria per progetti Projet Opéra: À la découverte de "Aida" Progetto inter-cycle raggruppante 17 classi - dalle classi materne alle classi di 6ème  Progetto di 500 alunni circa in collaborazione con l'associazione musicale EUROPAINCANTO. Spettacolo in aprile al teatro ARGENTINA di ROMA. Giardino pedagogico Seguire l'evoluzione delle colture (che si trovano in un orto per esempio)che necessitano di poca manutenzione. Il giardino/orto pedagogico del liceo, che si trova nel parco di Strohl-Fern vicino alla Grande Porta, sarà gestito seguendo l'agricoltura integrata e o biologica. Più in particolare saranno applicate l'agricoltura del non agire inventata dall'agricoltore e microbiologista giapponese M. Fukuoka e l’agro-ecologia di Pierre Rabhi. Obiettivi: integrazione di alcuni aspetti dello sviluppo sostenibile in più livelli dalla scuola primaria e permettere di far lavorare insieme alunni di livelli diversi. Orchestra di Chateaubriand: "Mezzoforte" L’orchestra è un appuntamento di due ore aperta ai musicisti principianti o avanzati che desiderano condividere la passione per la musica. Tutti gli strumenti sono benvenuti: chitarra; violino; alto; violoncello; flauto traverso; haut-bois; clarinetto; trombetta; trombone; coro; sassofono; pianoforte. Concorso Castor Il concorso Castor (castoro) ha l'obiettivo di far scoprire l'informatica e le scienze del numerico ai giovani. IL concorso copre vari aspetti dell'informatica: informazione e rappresentazione, pensiero algoritmico, uso delle applicazioni, struttura di dati, giochi di logica, informatica e società. (CM2 - 6ème - 5ème - 4ème)
Siete genitori e desiderate iscrivere vostro figlio in una scuola francese all’estero. I documenti allegati hanno lo scopo di fornirvi le informazioni necessarie. Infatti, la rete delle scuole francesi all’estero sostiene, in merito all’inclusione scolastica, una maggiore considerazione dei bisogni speciali di tutti gli alunni, qualunque sia la nazionalità, ed in particolare gli alunni con bisogni educativi speciali presenti nei contesti diversificati delle scuole francesi omologate. A differenza della Francia, queste scuole non dispongono di strutture adeguate. Quest’approccio dell’inclusione scolastica si basa sulla legge dell’11 febbraio 2005 “  per la parità di diritti e opportunità, la partecipazione e la cittadinanza attiva delle persone con disabilità”, confermata dalla “legge sull’orientamento e delle programmazione per la rifondazione della scuola della Repubblica”  del 8 luglio 2013. Queste esigenze sono state integrate neI piano di orientamento strategico 2015-2017 dell’AEFE e negli Orientamenti Strategici 2014-2017 della Missione Laica francese. L’obiettivo è quello di sviluppare dei percorsi inclusivi per alunni con bisogni educativi speciali e di accompagnarli, insieme alle loro famiglie, il più al lungo possibile e nelle migliori condizioni, anche nella prospettiva di cambiare scuola ogni volta che questa non sarà più in grado di offrire dei vantaggi per l’alunno/a. Gli alunni con bisogni speciali sono: Gli alunni che soffrono di una malattia cronica I disturbi specifici dell’apprendimento - DSA (dislessia, disortografia, disprassia, disgrafia e discalculia) Gli alunni intelletualmente precoci Gli alunni con disabilità Gli alunni con difficoltà di apprendimento o adattamento Vi invitiamo a contattare, qualora fosse necessario, la scuola e a leggere i documenti allegati.
Centro di Documentazione e Informazione Allo stesso tempo centro di risorse documentarie, luogo di formazione, comunicazione e informazione, di cultura, il CDI di De Vedruna (6e-5e-4e) e il CDI di Patrizi (3e-2 de- Tle) sono soprattutto spazi di lavoro, aperti a tutti, dove si impara a lavorare in modo autonomo. Sono anche spazi di relax in cui è possibile consultare e prendere in prestito documenti, leggere e essere aggiornati sulle notizie di attualità culturale. I professori documentalisti, responsabili della gestione del CDI, accolgono e formano gli studenti attraverso varie attività pedagogiche, in collaborazione con gli insegnanti. É possibile consultare il catalogo di ciascun centro sui portali e-sidoc sui link seguenti : De Vedruna : http://1279997b.esidoc.fr Patrizi :  http://1270007t.esidoc.fr